Parlando di: “Jinbe” di Mitsuru Adachi

Jinbe
volume auto-conclusivo di Adachi edito in italia da Star Comics.
Jinbe è un uomo sui 40 anni, che lavora in un acquario e ormai da 4 anni vive con Miku la sua figlioccia adolescente, nata dalla moglie di Jinbe in un precedente matrimonio.
nonostante la prematura morte della moglie (avvenuta circa 3 anni prima) l’uomo ha cresciuto Miku come fosse sua figlia e prova un forte attaccamento nei confronti della ragazza; a sua volta Miku è molto legata al patrigno ma, come ci verrà accennato verso la fine del primo capitolo e poi più chiaramente ribadito nel corso del volume, il sentimento della ragazza è più profondo e più intenso di quello che una figlia prova per il padre.

Miku è una ragazza forte, più matura della sua età e molto determinata, sa quello che vuole e cerca di ottenerlo (questo è evidente nel finale).
il ritmo della narrazione è pacato, lento, profondo.

Jinbe1

Jinbe2

jinbe3
CONSIGLIATO: SI; non ho mai letto nulla di Adachi (tranne alcune ONE-SHOT) ed ho apprezzato molto quest’opera, l’ho trovata delicata per nulla pesante nonostante il tema che cerca di trattare… dico “cerca” perchè questo amore “proibito” fà da sottofondo a tutto il volume, sembra come se l’autore avesse avuto paura di esporsi su questo argomento e lo mette un pò hai margini, forse per questo che rimane una lettura leggera. =)
sono stata particolarmente colpita dall’espressività dei personaggi e da come sono gestite le tavole, sembra che non ci sia né un tratto in più né uno in meno, vignette piene di dettagli si interpongono tra quelle più semplici e lineari.

un’ultima nota positiva và all’edizione della Star Comics, il volume al prezzo di 5.00€ è composto da 198 pagine di cui 49(!!) a colori su carta semplice… rapporto qualità/prezzo fantastica.